Ingegneria chimica
Catalogo Italiano
English catalog
Catálogo Español
Catalogue Français

ELETTRONICA E SISTEMI
TELECOMUNICAZIONI E TELEMATICA
ELETTROTECNICA
INGEGNERIA CHIMICA
CONTROLLO DI PROCESSO INDUSTRIALE
TECNOLOGIE DELL'AUTOMAZIONE
TERMOTRONICA
ENERGIE RINNOVABILI
TECNOLOGIE AGRO-ALIMENTARI
AUTOTRONICA
BIOMEDICALI
ECOLOGIA
MECCANICA DEI FLUIDI
TERMODINAMICA
POTENZA ELETTRICA
FISICA
BIOLOGIA
CHIMICA


Ingegneria chimica

Files

7 Distillazione

Gli impianti di distillazione contenuti in questa sezione sono stati suddivisi in due categorie:

  • impianti di distillazione discontinua
  • impianti di distillazione continua.

 

All’interno di queste categorie si possono individuare varie tipologie d’impianto con caratteristiche costruttive particolari.
I mod. BDB/EV e BDC/EV sono impianti realizzati solo in versione manuale e con strumentazione essenziale, ma che consentono di approfondire agevolmente le tematiche relative alla distillazione.
Le serie mod. UDB/EV e UDC/EV sono proposte nelle versioni manuale, manuale con data logging, automatizzata ed utilizzano strumentazione da processo di tipo industriale.
Le serie DIS/EV e DC/EV sono proposte nelle versioni manuale, manuale con data logging, automatizzata ed utilizzano strumentazione da processo di tipo industriale, e sono, dal punto di vista dimensionale, gli impianti più grandi della sezione.
E’ superfluo notare che tutti gli impianti di distillazione continua possono essere utilizzati come impianti di distillazione discontinua.
La sezione è stata arricchita anche di un simulatore, mod. DCS/EV, che, utilizzando come fluidi di processo aria e acqua, consente di studiare ed osservare la fluodinamica dei piatti di una colonna distillazione.

 

7 Estrazione

Gli impianti di estrazione contenuti in questa sezione sono stati suddivisi in tre categorie:

  • impianti di estrazione liquido-liquido
  • impianti di estrazione solido-liquido
  • impianti di estrazione multifunzione

 

Per quanto riguarda la categoria “liquido/liquido”, il mod. ULL/EV è un impianto realizzato solo in versione manuale e con strumentazione essenziale, ma che consente di approfondire agevolmente le tematiche relative all’estrazione liquido/liquido.

Le serie mod. LL/EV e LL1/EV differiscono solamente per la tipologia di colonna utilizzata (a dischi rotanti e a riempimento rispettivamente), sono proposte nelle versioni manuale, automatizzata e computerizzata ed utilizzano strumentazione da processo di tipo industriale.

La sezione è stata arricchita anche di un apparato, mod. LEA/EV, che consente di studiare gli equilibri di miscele ternarie di liquidi e di ricavare dati sperimentali utilizzabili nelle esperienze con gli impianti di estrazione.

Per quanto riguarda la categoria “solido/liquido”, la serie SL/EV è proposta nelle versioni manuale, automatizzata ed utilizza strumentazione da processo di tipo industriale.

Infine, la categoria “multifunzione” contiene impianti polifunzionali:

  • il mod. UESL/EV consente di effettuare sia estrazioni liquido/liquido che solido/liquido in discontinuo e di recuperare il sovente per distillazione;
  • la serie mod. LLD/EV, proposta nelle versioni manuale, manuale con data logging e computerizzata, deriva dalla fusione di un impianto di estrazione liquido/liquido ed un impianto di distillazione.

 

12 Reazione

Questa sezione contiene una serie di impianti per lo studio dei più diffusi tipi di reattori chimici.

Il mod. da tavolo CRBS/EV permette di studiare reattori batch, CSTR, PFR e CSTR in serie, montando sulla stessa unità di servizio i diversi reattori.

Per lo studio dei reattori batch vi sono due serie, mod. REC/EV e RE/EV, di dimensioni differenti disponibili in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata.

La serie REC1/EV consente l’approfondimento dei reattori CSTR ed è disponibile in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata.

La serie REC2/EV consente lo studio dei reattori PFR ed è disponibile in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata.

La serie REC3/EV consente l’approfondimento delle tematiche relative ai reattori CSTR in serie ed è disponibile in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata. I

l modello TFR/EV è un’unità compatta che consente lo studio dei reattori catalitici slurry.

Il mod. UPB/EV e la serie FER/EV, disponibile in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata, sono degli ottimi esempi di produzione di biocarburanti ottenuti da materie prime vegetali.

 

3 Filtrazione

Questa sezione contiene il mod. FP-1S/EV che permette di approfondire le tematiche relative a due fondamentali tipi di filtrazione: la filtrazione classica con filtro pressa e la filtrazione tangenziale.

Un regolatore PID permette di eseguire in automatico la filtrazione a pressione o portata costante.

Il mod. UOU/EV è un’unità compatta e flessibile per studiare l’osmosi inversa e l'ultrafiltrazione in un ampio spettro di condizioni operative.

6 Evaporazione

Gli impianti di evaporazione contenuti in questa sezione sono stati suddivisi, in base alla tipologia costruttiva, in tre categorie:

  • a film cadente
  • a film sottile
  • a film ascendente

 

Per la categoria “a film cadente”, sono presenti la serie UME/EV e EDE/EV, disponibili in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata, che permettono di approfondire le tematiche relative agli evaporatori a singolo effetto e doppio effetto rispettivamente.

Per la categoria “a film sottile”, sono presenti la serie UFS/EV e ESS/EV, disponibili in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata, che permettono di approfondire le tematiche relative agli evaporatori a film sottile. La serie UFS/EV è la riproduzione su piccola scala della serie ESS/EV.

Per la categoria “a film ascendente”, è presente la serie RFE/EV, disponibile in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata.

Infine, il mod. CT/EV, rappresenta un ottimo supporto per lo studio delle tematiche relative all’evaporazione nelle torri di raffreddamento.

3 Essicazione

Il mod. TD/EV, disponibile anche in versione computerizzata mod. TDc/EV, è stato disegnato per studiare il più comune metodo industriale di essiccazione dei solidi che consiste nel far passare un flusso di aria calda su vassoi contenenti il materiale umido.

Lo spray dryer, mod. MSD/EV, è un’unità disegnata per i laboratori didattici e di ricerca e permettere di ottenere il prodotto micronizzato in breve tempo assieme a dati validi per lo scale up.

 

6 Scambio termico

Questa sezione contiene una serie di impianti per lo studio dei più importanti tipi di scambiatori di calore industriali.

La serie UTC-1/EV, disponibile in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata, è equipaggiata con uno scambiatore a piastre ed uno a chioma.

La serie UTC-2/EV, disponibile in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata, è equipaggiata con uno scambiatore a fascio tubiero ed uno a spirale.

Il mod. UTC-2S/EV è equipaggiato con uno scambiatore a fascio tubiero e possiede un generatore di acqua calda incorporato.

La serie mod. UTC-3/EV, disponibile in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata, è equipaggiata con uno scambiatore a fascio tubiero ed uno ad aria.

Il mod. da tavolo HESU/EV permette di studiare gli scambiatori tubo-tubo, a fascio tubiero, a piastre e a serbatoio incamiciato, montando sulla stessa unità di servizio i diversi scambiatori.

La serie mod. SCT/EV, disponibile in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata, è equipaggiata con uno scambiatore tubo-tubo, a fascio tubiero e a piastre.

 

4 Assorbimento

In questa sezione l’absorbimento gas/liquido viene studiato, nel mod. WWA/EV, in una colonna a pareti bagnate e, nel mod. UAD/EV e nella serie mod. ADS/EV, in una colonna a riempimento.

Il mod. UAD/EV è un impianto realizzato solo in versione manuale e con strumentazione essenziale, ma che consente di approfondire agevolmente le tematiche relative all’assorbimento.

La serie mod. ADS/EV è disponibile in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata.

Il mod. F-BAU/EV consente, invece, di studiare il processo di adsorbimento di un gas su un solido.  

17 Meccanica dei Fluidi

Questa sezione contiene una serie di impianti per lo studio della meccanica dei fluidi in differenti situazioni.

La serie mod. ΔP/EV, disponibile in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata, consente lo studio delle perdite di carico localizzate e distribuite montando in un circuito chiuso l’elemento d’interesse.

Anche la serie mod. DYF/EV, disponibile in versione manuale, manuale con data logging e computerizzata, consente lo studio delle perdite di carico localizzate e distribuite ma, in questo caso, gli elementi sono tutti montati sul circuito idraulico e vengono selezionati utilizzando delle valvole.

Il mod. CP/EV è una versione compatta che permette di studiare il funzionamento di una pompa centrifuga. Il mod. SPCP/EV è analogo al mod. CP/EV ma è equipaggiato con due pompe per poterne studiare il funzionamento anche in serie e parallelo.

I mod. BP/EV e BP-1S/EV sono versioni maggiorate dei mod. CP/EV e SPCP/EV rispettivamente e sono dotate di un sistema per la misura della coppia.

I mod. FUN/EV, LM/EV e FFB/EV sono unità da tavolo che permettono di studiare rispettivamente i ventilatori centrifughi, la miscelazione nei liquidi ed i letti fissi e fluidizzati.


© Elettronica Veneta S.p.A. - Via Postumia 16, 31045 Motta di Livenza (TV), Italy - C.F e P.I. 00066840265

Iscr. Ufficio del Registro di Treviso n. 00066840265 - R.E.A. n. 80315 - Cap. sociale Euro 3.030.000 interamente versato